La Nostra Storia

capaprimeirocentro

La Comunità Cattolica Shalom è stata fondata il 9 luglio del 1982, dopo che il suo fondatore, Moysés Louro de Azevedo Filho, offrì la propria vita e gioventù per dedicarsi a portare Gesù Cristo e la Sua Chiesa a coloro che erano distanti, ma specialmente ai giovani.

Il 30 giugno del 1980, Papa Giovanni Paolo II arriva in Brasile per la prima volta. Il pontefice visita 13 città e partecipa all’apertura del X Congresso Eucaristico Internazionale, a Fortaleza (CE). Moysés Azevedo, a 20 anni di età, è scelto dall’arcivescovo di Fortaleza, Don Aloisio Lorscheider, per offrire un dono al Papa in nome dei giovani dell’Archidiocesi. Prega chiedendo a Dio un regalo degno della Sua Santità e, il 9 luglio, consegna a Giovanni Paolo II una lettera nella quale si colloca a disposizione di Dio e della Chiesa nell’evangelizzazione dei giovani.

Esattamente due anni dopo l’incontro con il pontefice, è inaugurato il primo Centro Cattolico di Evangelizzazione Shalom, un fast-food e una libreria la cui missione è annunciare l’amore di Dio alle persone che andavano nel locale per fare merenda, chiedere consigli, aiuto o consolazione.

Tutto avviene senza nessuna pretesa di fondare qualcosa, ma accettando la volontà di Dio nella preghiera. Nel 1983, cominciano le prime esperienze di vita comunitaria. I giovani evangelizzati cominciano a far parte dei vari gruppi di preghiera che si formano.
Molti servono più intensamente, integrandosi così nel primo gruppo ufficiale, seme della Comunità di Alleanza. Nel 1985, davanti all’altare del Signore, Moysés e altri quattro giovani, fanno le proprie promesse come i primi membri consacrati della Comunità di Vita. L’anno dopo entra, sempre nella Comunità di Vita, la cofondatrice Maria Emmir Nogueira, presente fin dall’inizio, contribuendo a strutturare quello che Dio manifestava come Sua volontà.

Gruppi di preghiera si moltiplicano, lavori di evangelizzazione, formazione e di promozione umana si intensificano, sorgono vocazioni e i vescovi chiedono che vengano aperte nuove case Shalom nelle proprie diocesi. Nel 1995, sotto il forte intervento della divina provvidenza, gli Statuti della Comunità cominciano a essere preparati. Il 17 febbraio dello stesso anno, l’elaborazione è interrotta a causa della morte improvvisa del missionario della Comunità di Vita Ronaldo Pereira di 24 anni, in un incidente automobilistico. L’anno dopo riprende il lavoro di preparazione degli Statuti.

Nel 1998, l’arcivescovo di Fortaleza, Don Cláudio Hummes, firma il decreto di riconoscimento canonico dello Shalom a livello diocesano. Il Riconoscimento Pontificio è decretato nel 2007, dal Pontificio Consiglio per i Laici, organo legato alla Santa Sede, che approva, gli Statuti a carattere sperimentale. Il 22 di febbraio del 2012, con la fine del periodo ad experimentum, la Santa Sede conferma il riconoscimento della Comunità Cattolica Shalom come associazione privata internazionale di fedeli e approva definitivamente i suoi Statuti.

La Comunità è presente nelle diocesi di vari paesi e cresce rispettando la missione di evangelizzare e formare i figli di Dio.

Fondatore
Cofondatrice

03

Moysés Louro de Azevedo Filho è il fondatore e moderatore generale della Comunità Shalom. Consultore del Pontificio Consiglio per i Laici, dal 2007 e del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione, dal 2011.

Nato il 4 novembre del 1959, a Fortaleza ( Brasile ), fu educato in um ambiente cattolico e molto presto, cominciò a condurre gruppi di preghiera per giovani. Nel 1976, ebbe una forte esperienza con l’amore di Dio dal momento in cui conobbe il Rinnovamento Carismatico Cattolico.

Nel 1980, fu scelto dall’allora arcivescovo di Fortaleza, Don Aloísio Lorscheider, per offrire un dono a Papa Giovanni Paolo II, in nome della gioventù dell’Archidiocesi.Pregò chiedendo a Dio un regalo degno del Santo Padre e così decise di scrivere una lettera, offrendo la propria vita per l’evangelizzazione dei giovani. Il 9 luglio del 1982, esattamente due anni dopo l’incontro con il pontefice, nacque la Comunità Cattolica Shalom.

Fu convocato dalla Santa Sede, per partecipare a Roma, ai sinodi sull’Eucarestia, nel 2005 e sulla Parola di Dio, nel 2008. Partecipò, nel 2007, alla V Conferenza Episcopale dell’America Latina ad Aparecida, come rappresentante dei movimenti ecclesiali e delle nuove comunità del continente.

É caratteristico nella sua predicazione, il traboccante amore infiammato per Dio e incansabile per l’evangelizzazione degli uomini, specialmente dei giovani. Risiede ad Aquiraz, nella Diaconia, dove il governo generale della Comunitá Shalom, esercita il proprio servizio alla Chiesa e all’umanitá.

01

Maria Emmir Oquendo Nogueira è cofondatrice e formatrice generale della Comunità Cattolica Shalom.
Sposata e madre di quattro figli, è nata a Fortaleza ( Brasile ).

Ha vissuto a Rio de Janeiro dai cinque ai venti anni di età, deve la sua formazione intellettuale e religiosa alle suore di Nostra Signora di Lourdes, alle Orsoline e nell’università, ai padri gesuiti. Al ritorno a Fortaleza, si laureò in lettere specializzandosi nell’insegnamento della lingua Inglese per gli stranieri, linguistica e fonetica, come “ extendedstudent “ dell’Università del Michigan.

Appartenente a una famiglia cattolica, non si è mai allontanata dalla fede. Tuttavia, subito dopo il matrimonio, nel 1973, la sua pratica religiosa si limitava alla messa domenicale fino a quando, nel 1976, fece il “Cursillo di Cristianità”, su invito del marito, Sérgio Nogueira, che partecipò all’incontro mesi prima. Nel 1977, entrambi fecero il Seminario di Vita nello Spirito Santo cominciando ad appoggiare i giovani dell’Archidiocesi di Fortaleza.

L’esperienza con Dio suscitò in lei anche l’amore per la preghiera, per la Parola e per i poveri. Si avvicinò al padre gesuita Felipe Prévost, che divenne il suo direttore spirituale e a padre Caetano Minette di Tilesse, teologo del Rinnovamento Carismatico, conosciuto per il suo operato nel bairro Cristo Redentor, a Fortaleza. É li che Emmir lavorò con i poveri e imparò ad aprirsi ai carismi dello Spirito Santo.

Nel 1978, conobbe Moysés Azevedo nell’apostolato con i giovani. Diventarono grandi amici, uniti per l’amore al Signore che ispirò nei loro cuori poco più tardi, la fondazione della Comunità Cattolica Shalom, frutto di sogni condivisi e volti all’evangelizzazione dei giovani e alla gloria di Dio. Nel 1986, entrò a far parte della Comunità di Vita Shalom, nella quale fece le promesse definitive nel 2012.

É autrice di articoli e libri di spiritualità, studi biblici e formazione umana. Dedica gran parte del suo tempo all’insegnamento attraverso i media, a predicazioni e conferenze in Brasile e in altri paesi. Risiede ad Aquiraz, nella Diaconia, dove lavora con la formazione generale dello Shalom.

Read more