Foto: Unsplash
Shalom

La generazione online di ricercatori

Le persone provenienti dalla Malesia, dalle Filippine, dalla Francia, dal Congo e dalla Giamaica partecipano al gruppo di preghiera online Shalom attraverso hangouts.

“Mi piacerebbe sentire Dio, ma non so come”, “Non ci sono gruppi di preghiera per giovani vicino a me”, “La Comunità Shalom non è nel mio paese, ma mi sento attratto da questa vocazione”, “Non posso vivere il cristianesimo liberamente nel mio paese”
Questo è quello che hanno espresso alcuni giovani di diverse parti del mondo. Quindi mi sono interrogata se avessimo una risposta da dare loro come Carisma Shalom. Come avremmo potuto condividere l’amore di Dio con coloro che o semplicemente volevano fare un’esperienza con Lui e vivere la fede, o volevano scoprire la loro vocazione, ma non sapevano come. Questo avevo nel cuore e l’ho portato in preghiera.

Alla fine, lo Spirito Santo ha dato un’ispirazione: avviare un gruppo di preghiera online con tutti coloro che desideravano semplicemente incontrare Dio e che desideravano scoprire la loro vocazione. Di recente abbiamo iniziato gli incontri della settimana che sono avvenute tramite hangouts e sono trasmesse via youtube una volta al mese. Durante i gruppi preghiamo, cantiamo e lodiamo il Signore, invochiamo lo Spirito Santo e i Suoi Doni; abbiamo un momento di condivisione/predicazione: i partecipanti condividono, testimoniano e portano le loro intenzioni, in modo che, come comunità, possiamo continuare a pregare, portando l’un l’altro nel proprio cuore.

È una grande benedizione vivere insieme questi momenti di preghiera e di comunità, è bello vedere che abbiamo culture diverse, parliamo lingue diverse: ci sono persone dalla Malesia, dalle Filippine, dalla Francia, dal Congo, dalla Giamaica, ecc. Tuttavia nella diversità abbiamo trovato la ricchezza e il dono dell’Amore di Dio, Colui che è la ragione che ci unisce. Dio è reale e può fare di noi la generazione di ricercatori online, i discepoli online di Cristo, perché l’Amore di Dio non ha limiti.

Tutto ciò ci fa anche pensare che noi come cristiani non dovremmo vedere il mondo virtuale solo da un punto di vista pessimista. È vero che è un luogo pieno di rischi, ma è anche vasto nell’offrirci possibilità di costruire ponti e connessioni: questa è una ricchezza che siamo chiamati a scoprire e che stiamo scoprendo passo dopo passo.

Posso testimoniare personalmente che internet è un mezzo che mi manda in missione verso i luoghi più lontani mentre sono seduta sulla mia scrivania; questo non toglie il valore dell’incontro personale poiché questi incontri hanno anche lo scopo di condurre le persone a incontri personali .

Bene, ti invito a fare questa esperienza con noi, in cui Dio viene a parlare con te via internet. Se sei interessato ad unirti al gruppo di preghiera online in inglese sei più che benvenuto.
Scrivici: vocations@comshalom.org.
A presto! Shalom!

Barbara Melo

Traduzione: Jhoanna Climacosa


Comentários

Avviso: I commenti sono di responsabilità degli autori e non ripresentano

O seu endereço de e-mail não será publicado. Campos obrigatórios são marcados com *.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *