Formazione

Santa Teresa di Calcutta: la Provvidenza Divina non ci abbandona

“Ogni giorno Dio opera per noi veri miracoli, li realizziamo concretamente. Se non fosse per queste meraviglie di tutti i giorni, non potremmo andare oltre, non potremmo fare nulla.”

Per portare avanti il suo lavoro, Madre Teresa si affida solo alla Divina Provvidenza. Questa frase, “affidarsi alla Provvidenza”, per noi poveri mortali, è diventata una “frase fatta”. Una frase senza un significato preciso. Nessuno di noi penserebbe davvero di iniziare un’attività che richiederebbe un sacco di soldi “affidandosi esclusivamente alla Provvidenza”, cioè senza avere un gran conto bancario. Quando sentiamo queste frasi, pensiamo che siano espressioni generiche che implicano che qualcuno “rischi”, esponendosi più di quanto dovrebbe. Ma prendiamo le parole alla lettera. Non possiamo nemmeno immaginare che ci siano persone che affrontano compiti importanti senza un’adeguata e calcolata copertura economica.

E queste persone esistono, sono sempre esistite: sono i santi. Quelle meravigliose creature la cui fede in Dio è granitica. “Se hai fede, puoi spostare una montagna”, ha detto Gesù nel Vangelo. E i santi gli hanno creduto. E così, per loro è stata riservata la gioia e la felicità di scoprire l’esistenza della Provvidenza, che l’amore di Dio per i suoi figli non è un’espressione astratta. Divennero testimoni felici e riconoscenti di miracoli spettacolari.

Viviamo miracoli quotidiani

Un giorno, dopo che Madre Teresa mi aveva parlato dell’assoluta povertà che desiderava per la sua Congregazione, le ho detto: “Ma poi, per mantenere tutte le attività e le opere che le sue sorelle fanno nel mondo, sono necessari miracoli.” “Esatto”, disse Madre Teresa, sorridendo all’espressione stupita che vide sul mio viso.

“Ogni giorno Dio opera per noi veri miracoli, li realizziamo concretamente. Se non fosse per queste meraviglie di tutti i giorni, non potremmo andare oltre, non potremmo fare nulla.”

Mi guardava. Ero sempre più stupito. “Parli di autentici miracoli?” Ho chiesto. “Sì, miracoli concreti”, disse la madre.

A Madre Teresa non è mai piaciuto molto parlare, né in pubblico né in privato. In ogni incontro che ho avuto con lei, ho scoperto che la conversazione era sempre stressante per lei. Gentile, dolce, disponibile, era sempre pronta a rispondere a qualsiasi domanda, ma con frasi brevi, acute e sintetiche. Se, tuttavia, si parlava della bontà di Dio, dell’amore di Gesù verso i suoi figli e delle meraviglie della Provvidenza, diventava loquace. Cominciava a parlare con gioia e molto.

“La provvidenza provvede generosamente ogni giorno a me, alle mie sorelle e ai nostri assistiti”, dissi quel giorno quando gli chiesi dei miracoli. “Lo fa attraverso industrie, enti, imprese, compagnie petrolifere, governi, ma soprattutto attraverso le piccole offerte di persone che vivono con modeste risorse economiche. E sono queste offerte che hanno il massimo valore, perché per farle, le persone affrontano sacrifici, e quindi il loro gesto è un vero atto d’amore.”

“La provvidenza – continua Madre Teresa – non ci lascia mai. La mia opera è stata prima di tutto Volontà di Gesù e deve pensare Lui a portarla avanti e realizzarla. La provvidenza ci fa continuamente sapere con quale amore Gesù ci accompagna e ci aiuta.”

 

Bisogna testimoniare la provvidenza di Dio

Nelle nostre case, con tutto ciò che serve a mantenere le persone che ci chiedono aiuto, siamo sempre in uno stato di emergenza. Nessuna sorella incaricata dell’andamento della casa potrebbe dormire sonni tranquilli, se non avesse una fede immensa in Dio. Non abbiamo quasi mai quello che serve per vivere una settimana e talvolta nemmeno quello di cui abbiamo bisogno per la notte di quel giorno. Ma sempre, spesso all’ultimo momento, la soluzione arriva. Il Signore ispira le persone più diverse a portarci, per vari motivi, l’aiuto che è vitale per noi. Se quell’aiuto non fosse arrivato, sarebbero guai per noi.

A Calcutta cuciniamo ogni giorno per novemila persone. Una mattina una sorella venne a dirmi che non era rimasto nulla nella dispensa. Era giovedì. Fu annunciato un terribile weekend. Era la prima volta che mi trovavo di fronte ad un imprevisto come quello. Dovremmo avvertire i nostri assistenti – disse la sorella. No, aspettiamo – dissi – Nel frattempo, vai in chiesa per presentare la questione a Gesù.

Pregai anch’io e attesi la venuta di qualche evento. Venerdì mattina arrivò un camion carico di pane, marmellata e latte. Erano provviste per il pranzo scolastico della città, ma quella mattina il governo aveva deciso di tenere chiuse le scuole e tutte quelle provviste non servivano più. Mi chiesi perché le scuole fossero state chiuse quella mattina, ma non sono mai riuscita a capirne il perché. Credo che Dio sia intervenuto per aiutarci. In effetti, per due giorni i nostri assistiti sono stati in grado di mangiare liberamente.

A Londra, con alcune compagne, si stava cercando una casa per aprire un nuovo quartier generale. Una signora ne aveva una che soddisfaceva perfettamente le nostre richieste. Siamo andate a incontrare questa signora e dopo aver visitato la casa, abbiamo espresso il desiderio di affittarla. Sono seimila e cinquecento sterline, pagamento anticipato, disse quella donna senza mezzi termini. Aggiunse: Non mi fido di nessuno e non faccio beneficenza per nessuno. La situazione era complicata. Non avevamo soldi e allo stesso tempo avevamo bisogno di quella casa. Abbiamo deciso di separarci e visitare la città visitando gli amici e coloro a cui è piaciuto il nostro servizio, chiedendo loro aiuto nel tentativo di raccogliere una buona parte di tale importo. Quando ci siamo incontrati di nuovo di notte, abbiamo fatto i conti: avevamo raccolto esattamente seimila e cinquecento sterline.

Un giorno, una sorella mi chiamò da Agra, in India, chiedendomi cinquantamila rupie per creare una casa per bambini abbandonati. È impossibile, dissi. Dove troverò questo importo? Pochi minuti dopo il telefono squilla di nuovo. Era il direttore di un giornale. Il governo filippino, ha annunciato, gli ha assegnato il premio Magsaysay e una somma di denaro. Quanto? chiesi. Cinquantamila rupie, rispose. In questo caso – dissi – suppongo che Dio voglia creare una casa per bambini ad Agra.

Un giorno verso mezzogiorno una novizia incaricato della cucina mi disse che non c’era più riso nella dispensa e in casa non avevamo una rupia per comprarlo. Alle 16:30, uno sconosciuto è arrivato alla porta con un pacco. Ho avuto voglia di portarlo, disse. Nel pacchetto c’era il riso necessario per la cena quel giorno.

In un’altra occasione, le sorelle avevano finito la legna per cucinare. Sul fornello c’era una grande padella al curry. Come al solito, feci pregare alcune sorelle; dopo un po’, suonò il campanello ed era un benefattore che aveva portato un carico di legna da ardere.

Durante la stagione delle piogge, la pioggia persistente ha iniziato a cadere su Calcutta. Ero preoccupata. C’erano novantacinque scatole di latte in polvere nel cortile e sotto la pioggia sapevo che sarebbero andate perse. Cosa devo fare, Signore? Pregai. Il latte è là fuori. Sembrava che Gesù non volesse ascoltarmi, perché la pioggia era ancora sottile e ininterrotta. Quindi presi il crocifisso e lo portai nel mezzo dei cartoni del latte, ma ciò non fermò la pioggia. Dopo cinque giorni, il cielo finalmente si schiarì. Le scatole galleggiavano nell’acqua. Siamo andati ad aprirli per vedere se qualcosa potesse essere salvato e, con nostra grande sorpresa, abbiamo visto che il latte in polvere era perfettamente asciutto. Alcune scatole avevano il coperchio danneggiato, ma nessuna goccia d’acqua era penetrata nelle fessure del legno.

Molti sono stupiti di sentire questi fatti. Ma non c’è niente di straordinario: è tutto semplice, logico. Se vedo una persona povera, provo un grande desiderio di aiutarla. Ma sono solo una donna. Quanto più grande dovrebbe essere il desiderio di Gesù di aiutarci nelle nostre difficoltà. Solo chi credere ciecamente nel Suo amore può essere testimone dei suoi miracoli, ogni giorno.

Spesso il Signore ci aiuta con cose meno spettacolari per aiutarci. Ispira le persone ad amarci, ad avere simpatia per noi, a voler collaborare, ma è sempre Lui che lavora per noi.

Un giorno venne una giovane coppia indù che lasciò un’offerta per i miei poveri. Dato che questa era una grande somma, ho chiesto dove avevano ottenuto così tanti soldi. Ci siamo sposati due giorni fa, risposero. Avevamo messo da parte abbastanza denaro per la nostra festa nuziale e molti soldi ci sono stati regalati da amici e parenti. Ma all’ultimo minuto abbiamo deciso di acquistare solo le cose indispensabili e darle il resto. La amiamo così tanto e abbiamo pensato che sarebbe stato bello condividere il nostro amore con i poveri che servi.

Qualche tempo fa, a Calcutta, abbiamo attraversato un periodo di carenza di zucchero. Si diffuse in tutta la città che Madre Teresa non aveva più zucchero per i suoi orfani e molte persone vennero in suo aiuto. Una sera arrivò una coppia con il figlio di sei anni. Aveva una bottiglietta in mano. Per una settimana si era rifiutata di mangiare zucchero in modo da poterlo dare a quelli meno fortunati di lui.

 

Canali della Provvidenza Divina

Abbiamo collaboratori in tutto il mondo, uniti tra di loro in gruppi che forniscono un aiuto inestimabile, raccogliendo vestiti, medicine e tutte quelle cose che sono utili nei nostri dispensari. Sono i sacrifici semplici e generosi di migliaia di persone sconosciute che ci consentono di aiutare così tante persone. Ma mi affido solo alla preghiera, non penso mai ai soldi. Dobbiamo eseguire l’opera del Signore e deve essere Lui a pensare ai mezzi: se non ce lo ordina, non vuole quel lavoro.

Le persone che considero i miei più grandi collaboratori e delle mie sorelle sono i malati che, per noi, offrono i loro dolori a Dio. E i contemplativi, i monaci e le monache che pregano per il mio lavoro.

Molti pazienti disabili che non possono svolgere alcuna attività si connettono con noi attraverso un vero patto di collaborazione. Adottano una sorella e, attraverso di lei, offrono la loro sofferenza e le loro preghiere. Tra i due nasce una connessione molto stretta, rendendoli come una sola persona.

Anch’io ho la mia “collaboratrice segreta”. È una donna belga che conosco da oltre trent’anni. Si chiama Jacqueline Decker, è molto malata. Ha avuto diciassette interventi chirurgici e può sopportare qualsiasi dolore per aiutarmi a svolgere bene la mia missione. Ogni volta che ho qualcosa di speciale da fare, mi dà la forza e il coraggio di cui ho bisogno. In effetti, in queste occasioni, le sue sofferenze aumentano. A volte mi scrive: “Sono sicura che in questo periodo hai molto da fare, molto da camminare, lavorare, parlare. Conosco il mio mal di schiena e altre sofferenze che sono diventate particolarmente intense.” Jacqueline non sbaglia mai. Le misteriose leggi che governano gli spiriti permettono questo scambio. È la mia amica malata che fa la parte più difficile del mio lavoro per me.

Renzo Allegri

Traduzione: Jhoanna Climacosa


Comentários

Avviso: I commenti sono di responsabilità degli autori e non ripresentano

O seu endereço de e-mail não será publicado. Campos obrigatórios são marcados com *.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *